Blog

Notizie e novità

Come curare la piorrea, ma soprattutto prevenirla

21 Giu 2022

“Cos’è la piorrea”, “Come curare la piorrea” sono tra le domande di natura odontoiatrica più ricercate sul Web. La piorrea, in Italia, è in effetti una patologia molto comune, ma per quanto sia diffusa solo un italiano su tre sa cos’è la piorrea. Iniziamo allora da qui…

 

Che cos’è la piorrea 

La piorrea rappresenta la fase più acuta e terminale di un dente colpito da parodontite (o gengivite). Quest’ultima è a sua volta talmente frequente nella popolazione tanto da essere definita una patologia endemica

La parodontite è la malattia che colpisce il “parodonto”, ovvero il complesso degli elementi che sostengono il dente e lo tengono ancorato agli alveoli. Si tratta di un’infezione batterica che determina il deterioramento del dente fino a causarne la caduta. 

La parodontite però, salvo rari casi, si manifesta in maniera graduale e se presa in tempo, la perdita del dente è evitabile. 

Quando l’infezione batterica è in uno stato avanzato e sfocia in piorrea questo accade, nella maggior parte dei casi, perché la gengivite non è stata curata.

 

Cause della piorrea 

Una delle cause principali della piorrea è l’accumulo dei batteri responsabili della formazione della placca dentale. Questa, accumulandosi nello spazio tra la gengiva e il dente, il cosiddetto margine gengivale, ne causa l’infiammazione. 

Quando l’infiammazione non viene curata adeguatamente iniziano a sorgere la tasche parodontali, ovvero dei ricettacoli causati dall’allargamento del solco gengivale e contenenti batteri che a loro volta proliferano fino a formare delle tossine che uccidono le cellule del tessuto osseo. 

Di conseguenza, l’osso inizia a ritrarsi, mettendo a rischio la stabilità dei denti e causandone infine la caduta. 

Oltre all’accumulo della placca, nell’insorgere della piorrea intervengono fattori di altra natura come la predisposizione genetica e le scorrette abitudini di vita che possono accelerare il processo d’infiammazione.

 

Come curare la piorrea 

Per curare la piorrea si può ricorrere a due distinte terapie che si differenziano in base all’intensità dell’infezione in atto: 

  • la terapia non chirurgica 
  • la terapia chirurgica 

La terapia non chirurgica consiste nell’effettuare delle sedute d’igiene dentale professionale dal proprio dentista. 

In questo modo vengono eliminati la placca e il tartaro responsabili della piorrea e di altre patologie dentali che si possono contrarre nel momento in cui non si effettua una corretta pulizia del cavo orale. 

Questo trattamento è indicato nelle fasi iniziali della malattia: i batteri vengono eliminati e il tessuto infiammato ritorna alla normalità. 

Se invece l’infezione è troppo estesa, si passa alla terapia chirurgica che a sua volta si divide in: 

Nel caso della chirurgia resettiva le tasche gengivali vengono eliminate e l’osso alveolare viene ridotto. In questo modo viene scoperta una porzione di dente sano facendolo risultare leggermente allungato. 

Questo tipo di intervento è indicato per le infiammazioni non molto profonde e nei casi in cui la componente estetica non è preminente, ad esempio nel caso in cui le tasche sono nella parte posteriore del dente e quindi non visibili.

Nella chirurgia rigenerativa invece, si interviene eliminando le tasche parodontali favorendo la rigenerazione del tessuto osseo e gengivale innestandone un altro. Il tessuto viene poi ricoperto dalle strutture gengivali o da membrane protettive biocompatibili. 

Si interviene con questo tipo di terapia in presenza di difetti ossei molto profondi che necessitano di una metodologia riparativa immediata. 

 

La prevenzione della piorrea

Per evitare di dover ricorrere ad interventi invasivi per curare la piorrea, la migliore difesa è, come sempre, la prevenzione

Esistono infatti delle abitudini che se seguite attentamente portano ad evitare, o quanto meno ridurre considerevolmente, la possibilità di riscontrare la piorrea: 

  • Effettuare quotidianamente una corretta igiene orale, ovvero spazzolare denti e lingua almeno due volte al giorno e utilizzare il filo interdentale.
  • Smettere di fumare, o quanto meno provare a ridurre il più possibile il consumo giornaliero di sigarette.
  • Recarsi almeno Tre volte all’anno dal proprio dentista per una seduta professionale di igiene orale.
  • Prestare attenzione alle proprie difese immunitarie e rinforzarle in caso di necessità

Se vuoi saperne di più su come curare la piorrea e prevenire l’insorgenza di altre fastidiose patologie dentali, rivolgiti ai nostri specialisti. 

 

Prenota ora una visita da Progetto Sorriso!